23 Ottobre 2021
news
percorso: Home > news > Retrospettiva

QUELLI CHE...UNA VOLTA. Risultati e foto di gare svolte da nostri runners.

28-09-2021 16:07 - Retrospettiva
Gara Passiata a San Marco dei Cavoti 2021
GIRANDO SU FACEBBOK HO TROVATO FOTO DI ATLETI CHE HANNO FATTO GARE DURANTE QUESTO PERIODO A TUTTO COVID.
Fra questi Pio Casciano che di gare ne ha fatte tante ed in tutta Italia. Qui è nella gara del suo paese di cui riportiamo la storia.
Tutte come tante altre. La foto ,in bianco e nero, riguarda la mia prima mezza. Avevo un super otto fatto da un amico. Ma nessuna immagine. Chiedendo l'amicizia ad un ex grande dell'atletica ho scoperto che fra le sue immagini vi era anche questa. Targata come Ostia. E' Roma con la partenza della maratonina che vinse Ambu su Geier e Gioacchino Del Palma e tanti giovani emergenti (quelli delle FFGG) Data ritrovata su rivista 01/05/1968. IL campo era in terra battuta. Nel pomeriggio gare di atletica. Questa fu fatta di mattina. Si usciva e si facevano giri da 2 Km. su quello che i ciclisti fanno il 25 aprile.
Ecco la storia della Passiata di San Marco dei Cavoti.
La STORIA
La storia della Passiata di San Diodoro ha inizio nell'estate del 1974.
Era l'anno dei Mondiali di calcio in Germania (rimasti famosi per le "chinagliate" che accompagnarono il flop degli Azzurri), ma era anche l'anno degli Europei di atletica a Roma, dove un irpino trapiantato al nord, tal Pippo Cindolo, si aggiudicava il bronzo dei 10.000 metri.
Si era anche nei primi anni in cui qualche jogger iniziava a corricchiare per le strade di citt� o di campagna, a volte attento ad evitare tanto le attenzioni indesiderate di quadrupedi abbaianti (dicasi di cani) quanto quelle di insofferenti bipedi motorizzati (dicasi di individui appartenenti alla specie umana, ma assai simili per indole alle peggiori bestiole di cui prima), spesso affetti da "avversione da vista di umanoidi in corsa".


In quell'estate di trent'anni fa, la Pro Loco di San Marco dei Cavoti organizzò una trasferta in pullman ad Ariano Irpino, portando un nutrito gruppo di sammarchesi, composto da atleti, joggers o semplici camminatori, a partecipare ad una gara podistica di circa 13 km.
Fu un'esperienza bellissima e coinvolgente (capirete così che anche chi scrive era della spedizione- nds).
Gli arianesi si rivelarono assai ospitali ed ottimi organizzatori, oltre che bravissimi atleti; ed anche il gruppo sammarchese fece la sua parte raccogliendo, oltre ad alcuni onorevoli piazzamenti, anche un premio speciale (di tipo gastronomico) per il gruppo forestiero più numeroso.


Il viaggio di ritorno fu impegnato in un brain-storming di eccezionale levatura in cui, oltre a fissare l'appuntamento per la consumazione del "premio", nacque l'idea di organizzare una manifestazione simile anche a San Marco.
Di lì a qualche giorno ci si riunì nella sede della Pro Loco, in Piazza Risorgimento, e fu deciso che l'imminente festa in onore di San Diodoro Martire, il santo protettore del paese, avrebbe visto il battesimo di una gara podistica.
Questa si sarebbe dipanata attraverso un impegnativo ma suggestivo percorso di circa 13 chilometri che, dalla centralissima piazza, avrebbe condotto i partecipanti in giro per le campagne sammarchesi per poi ritornare in piazza sbucando su via Roma, a mo' di "porta di maratona", dall'arco della cosiddetta "Fontanella".


Fu deciso che quella corsa dovesse avere un nome che la distinguesse dalle altre, come un marchio di tipicit� : se San Paolo del Brasile aveva la sua "Corrida di San Silvestro", era ben giusto che San Marco dei Cavoti avesse la sua... la sua...!?! Su questo punto ci fu un po' di indecisione, finchè l'allora presidente della Pro Loco, il vulcanico Diodoro Li Nuci, ebbe l'ispirazione: si sarebbe chiamata "Passiata", o meglio "Passiata di San Diodoro"! Come non accontentarlo: era il presidente, e per giunta si chiamava Diodoro!!! Scherzi a parte, la proposta fu ritenuta "azzeccata" ed immediatamente accettata da tutti.
Ci si mise allora freneticamente all'opera per organizzare in quattro e quattr'otto, ma "come si doveva", la prima edizione della Passiata di San Diodoro!


Quella volta lì vinse Salvatore Cavoto, l'anno successivo fu la volta di Achille Costanzo, nel '76 prevalse il sottoscritto, nei due anni successivi si impose Franco Cavoto, che concluse la serie dei vincitori sammarchesi! Nel '79 arrivò primo D'Aloia, e l'anno successivo cominciò lo strapotere di Massimo Santamaria, autore di una quaterna. E poi tanti altri, tra i quali Capoccia, Greco, Pallini, Luce, Pastore, Repole, Panella, Rame..., senza dimenticare i tanti amatori, i "passiatori", e gli innumerevoli volontari che nel tempo hanno prestato la loro opera affinchè tutto procedesse "come si doveva"!


Ed eccoci così anche quest'anno, per l'ennesima volta, a cercare di rimediare, nel poco tempo che ci separa dalla seconda domenica di settembre, al consueto ritardo con cui ci mettiamo storicamente all'opera per organizzare una gara podistica "come si deve".
Speriamo di riuscirci anche questa volta. allestimento

Fonte: Redazione e siti vari

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
close
Utilizziamo i cookies
Questo sito utilizza cookie propri al fine di migliorare il funzionamento e monitorare le prestazioni del sito web e/o cookie derivati da strumenti esterni che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le tue preferenze, come dettagliato nella Cookie Policy. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. Cliccando sul pulsante ACCONSENTO, acconsenti all'uso dei cookie. Ignorando questo banner e navigando il sito acconsenti all'uso dei cookie.
Cookie Policy - Privacy Policy
Accetta i cookies necessari