20 Settembre 2021

Chiara Baldini esordio con 6 records e in linea sul previsto. Stefano ne fa 2 ma si prenota x la prossima.

30-03-2021 15:42 - Campionati federali ed EPS
Esordio assoluto e previsioni rosee.
Una trasferta all'apparenza improvvisata; ma di indubbio valore prestativo. Sbloccarsi con una gara nazionale non è facile, ma il soggetto, o i soggetti vanno valutati secondo le attitudini e le caratteristiche. Siano esse fisiche o psicologiche. A volte vanno in coppia a volte distaccate. Come la disciplina che abbiamo allenato: i lanci. Con Chiara si era partiti dal peso e subito grossa misura. Poi poco a poco e nel giro di quindici giorni la decisione. La vicinanza del campo e l'opportunità di fare un'esperienza globale. Lei come atleta ed io come allenatore. Giornate splendide ci hanno accompagnato in questa avventura. Ritrovati ex di varie discipline presi dal morbo atletico. Alcuni neofiti come Chiara, ma non troppo. Io a vedere ed imparare come Maria Gatto che, approfittando dell'infortunio che gli ha impedito la partecipazione ai cross, si è scoperta Giavellottista. Anche lei dopo 2 sedute misure eccellenti poi un leggero appannamento. Io avevo preparato una tabella x me e x Chiara sui 5 lanci. Una tabella che è abbinata a risultati e prestazioni commutate in numeri. Ho considerato nel fare la tabella il poco allenamento, la mancanza di esperienza e la dinamica della gara con l'adrenalina a mille Infatti si inizia col martello sulla rete poi quasi un accompagnamento del martello. Terzo lancio azzeccato a 17 cm. dal previsto. Poi si prosegue col peso dove ottiene un discreto 7.04. Nel disco discreto; poi giavellotto simile ai miei lanci. Si finisce col martello a manica corta. un bel 6.69 da portare prossimamente a misure a doppia cifra. La foto finale e l'atmosfera creata dalle atlete è simile a quella delle eptatlete. Tutte accumunate in un unico obbiettivo: migliorarsi. Su Facebook , Chiara e l'accompagnatrice Maria, hanno raccontato le loro sensazioni e ritornate al campo dopo 2 giorni significa che l'atletica piace a tute le età. Io, finalmente, ho rivisto dal vivo i nipotini. Essendo zona rossa a Roma non potevo incontrare nessuno. All'Acqua Acetosa ho rivisto alcuni ex in gara. Ho imparato seguendo loro. Ho visto che con gli acciacchi parecchi lanciano da fermi. Prendo come esempio il super acciaccato Mancini con personali di 48" sui 400 da giovane nonché nazionale del decathlon. Da quasi 7 nel lungo si stupisce nel fare 3 metri. Ha la sinistra ko , ma che spallate, 27 nel disco da fermo. Mi ha stupito il solo 13.87 nel giavellotto. Ma vistolo ho immaginato un commento che il prof. di ginnastica mi faceva. Del Mastro batte tutti nella corsa ma è l'unico che lancia coriandoli. Ho rivisto con piacere Petricola corridore al seguito del figlio per poi ritrovarlo atleta master. Il percorso esterno dell'acqua acetosa(come campo) elaborato da Enrico Spinozzi che correva sempre all'interno al bordo. Ho fatto anche la gara oltre che seguire Chiara il sabato. Premetto che in 2 giorni ho dormito pochissimo. Dopo pranzo ho sciroppato una pennica di quasi 4 ore. Con l'ora legale avevano avvisato sabato sera tramite telefonino che avremmo gareggiato alle 8.30(7.30 del giorno prima). Altra levataccia. Lo speaker sapeva già delle mie intenzioni di fare 15 metri nel martello. Dopo il 14.44 cerco la misura ma sbarello e faccio meno. Il peso mi incoraggia. Al campo mi sembrava pesante anche facendo 5. Recupero x fare un disco decente ma vado ad 1 metro esatto dal P.B. di categoria. Giavellotto disastro pur non facendo nulli. Sia io che Roberto mandiamo l'attrezzo altissimo ma ricade davanti quasi ai nostri piedi. Io il destro lui il sinistro. Accidenti ai piedi. Compare Tampelloni. E chi è? Un ex marciatore che appena mi vede mi saluta e sapeva della mia presenza. Era ed è nello staff dell'ACSI Italia Atletica. Nella Maniglia corta rimango impressionato dalle misure dei prime 3 classificati. L'Italo albanese già campione d'Italia indoor vince a mani basse. Io zitto zitto vado dai nipotini e saluto la compagnia. 16 Km e sono a pranzo già alla mezza. Ho imparato tanto ed ho studiato i vari tipi di lanci. Con giro, senza giro, con rincorsa, senza rincorsa. Ma sapete cosa mi ha emozionato di più? Vedere un gioiello trasformato in un ammasso di cimeli. La pista è rifatta, ma il resto?
LA SOCIETA' ORGANIZZATRICE TRAMITE IL PRESIDENTE:
Cari amici,
volevo ringraziarvi per aver partecipato con i vostri atleti al Campionato Invernale di Pentathlon di Lanci Master dello scorso week end a Roma.
Sono stati due giorni belli, baciati da un sole più estivo che primaverile e che si sono svolti, anche grazie alla collaborazione degli atleti, nel miglior modo possibile.
Speriamo di aver soddisfatto le aspettative degli atleti che sono intervenuti e che si possa aver altre opportunità organizzative.
Volevamo informarvi che è rimasto sul campo un martello a maniglia corta da kg. 4 mentre non abbiamo notizie di due martelli a maniglia corta da 9,08 kg e 5,45 kg. se eventualmente, per errore qualcuno avesse recuperato un martello al posto di un altro può scriverci e troveremo il modo di recuperarlo.
Ringraziandovi ancora per la partecipazione, vi saluto cordialmente.
Roberto De Benedittis
Presidente di ACSI Italia Atletica
3495345663
Roberto De Benedittis
Responsabile nazionale Atletica ACSI
Via dei Montecatini 5
00186 Roma



Fonte: Redazione e siti vari. Foto originali degli atleti partecipanti.

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account